Test di cecità di colore

Le prestazioni di questi test di cecità del colore sono solo approssimative e non escludono in alcun modo la revisione da parte di un ottico o di un oftalmologo

 

 

Vedi tutti i numeri?

– SÌ: Molto bene.

– NO: Anche molto bene, ma sei colorblind.

 

Altri test: per eseguire questi test, basta osservare il disegno con ciascun occhio separatamente per alcuni secondi e dire come appare.

 

 

Il soggetto “normale” vede il numero 8

Il soggetto daltonico vede il numero 3

Il daltonico non vedrà alcun numero

 

 

 

 

 

 

Il soggetto “normale” vede il numero 2

Il soggetto daltonico non vede alcun numero

 

 

 

 

 

 

Il soggetto “normale” vede il numero 5

Il soggetto daltonico non vede alcun numero

 

 

 

 

Daltonismo 5 y 2

 

 

Il soggetto “normale” vedrà il numero 5

Il soggetto daltonico vedrà un 2

 


Ecco i seguenti test di cecità dei colori:

Test di cecità di colore – ISHIHARA

AA

VUOI ACQUISTARE IL TEST DI DALTONISMO ISHIHARA DIGITALIZZATO IN PDF per soli 5 euro? Clicca qui

 

>> Test di cecità al contrario  <<

 

L’otto per cento degli uomini soffre di una alterazione cellulare della retina che impedisce loro di percepire correttamente i colori. Questa anomalia è chiamata cecità di colore e raramente colpisce le donne. Nella retina sono due tipi di cellule, coni e bacchette, che rendono possibile la visione. I primi sono responsabili della percezione dei colori. Terrace Wagoner, un ottico di Florida, Stati Uniti, spiega che il difetto si trova nei coni.

“Queste cellule subiscono un’alterazione genetica che impedisce di percepire i colori nella forma convenzionale”

La cosa umana: Wagoner osserva che il disordine nella sua forma classica è ereditato come un tratto recessivo legato al cromosoma X. Pertanto, questa condizione è praticamente esclusiva per il genere maschile. Gli uomini hanno solo un cromosoma X, mentre le donne hanno due. Se una donna riceve un cromosoma X con il carattere della cecità del colore, porterà la malattia, ma non lo presenterà perché il suo altro cromosoma compensa il difetto.

“Un uomo presenta sempre l’alterazione, perché il suo cromosoma X difettoso non può essere compensato: per una donna avere cecità di colore, i suoi due cromosomi X devono essere colpiti e, per questo, ha bisogno di suo padre di essere ciechi di colore e sua madre essere un vettore o colorblind “.

Ci sono lenti (e lenti) che ti aiutano a percepire più colori. Clicca qui per maggiori informazioni

Genetica della cecità del colore:

I geni che codificano i pigmenti dei coni verdi e rossi si trovano sul cromosoma X e sul cromosoma azzurro del cromosoma 7. Il cromosoma X è presente due volte nelle femmine (XX), mentre quello nei maschi (XY). Un cambiamento (mutazione) in questo gene può causare che i coni non formino tali colori. Il carattere di queste mutazioni è recessivo, cioè una donna ha bisogno di avere i suoi due cromosomi mutanti X per presentare la cecità dei colori, mentre un uomo, avendo solo un cromosoma X, sarà incolore finché la mutazione è mutante. Ciò è dovuto alla differenza delle percentuali di uomini e donne ciechi. La cecità del colore è quindi una malattia legata al sesso (nel caso di dichromatismi e trichromatismi anomali rossi o verdi, i più frequenti). Secondo questo, un color blind non avrà bambini che presentano la malattia finché la moglie non trasporta il gene mutante. Tuttavia, tutte le loro figlie porteranno il gene senza presentare la malattia. Infine, metà dei figli maschi di questi subirà l’anomalia. Le anomalie per l’azzurro, essendo sul cromosoma 7, avverranno ugualmente negli uomini che nelle donne. Lo stesso avverrà con la monocromatica.

La forma più rara di cecità del colore è la cosiddetta malattia monocromatica. Coloro che soffrono di esso vedono il mondo in tonalità di bianco e nero. Tuttavia, la cecità dei colori si verifica più spesso come difetti nella percezione dei colori.

Tipi di ciechi di colore:

– Dicromatosi: queste persone hanno due tipi di coni invece di tre. La malattia è classificata come protanopi, individui insensibili al rosso intenso, rappresentando uno in cento uomini, deuteranopi, confondendo le sfumature di rosso, verde e giallo e colpendo cinque su cento uomini e tritanopi, che sono ciechi colorati blu e confondono le tonalità di verde e blu, così come quelle di arancio e rosa.

– Trichromatici anomali: è il più abbondante gruppo di ciechi a colori. Hanno tre tipi di coni, ma percepiscono i toni di colore alterati. Esse spesso presentano difetti simili a tende colorate bicromato, ma meno evidenti. Le persone ciechi a colori possono soffrire di determinate limitazioni a seconda del tipo di lavoro che desiderano eseguire. Ad esempio, la cecità dei colori è un motivo di esclusione nella selezione dei piloti dell’aviazione e può anche ostacolare l’attività di persone che devono percepire i cambiamenti di colore nel controllo della qualità. Purtroppo, la cecità del colore è una condizione che non ha cura. Tuttavia, alcuni pazienti possono beneficiare di trattamenti per lenti che aumentano il contrasto tra i colori. I cosiddetti lenti ColorMax sono stati progettati per aumentare la discriminazione dei colori che sembrano uguali, sono funzionali per le persone con carenze nel distinguere i colori rossi e verdi, anche se, aggiunge Wagoner, non hanno alcun effetto su altri tipi di carenze. La cecità dei colori è stata descritta da John Dalton, che apparentemente non è in grado di distinguere il colore della sua toga. John Dalton (1766-1852): chimico inglese, nato a Eaglesfield (Cumberland). Occupa un posto privilegiato nella storia del pensiero scientifico. Ha portato il concetto di atomo dal terreno qualitativo della filosofia nel campo quantitativo della scienza. Ha ammesso che ogni elemento chimico possiede la propria specie di atomo con un peso caratteristico e distinto da quello degli altri elementi. Ha scoperto la legge di espansione termica dei gas (1801), la legge delle pressioni parziali delle miscele di gas (1801), il primo ad annunciare la teoria atomica su base sperimentale (1802-1803). Nel 1803 rilasciò un’altra teoria sull’assorbimento dei gas per acqua, dove incorporava la prima lista dei pesi atomici. Ha anche introdotto sistemi di simboli chimici molto simili a quelli usati dai chimici antichi, mostrando il numero di atomi di ogni elemento coinvolto nella formazione della molecola della sostanza. È curioso pensare che nella guerra del Vietnam l’esercito americano ha impiegato con successo colour-blind per distinguere i campi vietcong camuffati dai loro aerei.

 

Ulteriori informazioni sulla cecità del colore: un colore cieco non distingue bene la differenza tra alcuni colori, specialmente rosso e verde, se l’illuminazione non è buona. Il suo sintomo è la difficoltà a comprendere la differenza tra vari colori senza essere dovuta alla semplice confusione dei nomi. Il modo migliore per rilevarlo è l’utilizzo di un test a colori, che è consigliabile applicarsi quando si hanno seri problemi per combinare i colori. Non provoca gravi alterazioni nella vita quotidiana, perché secondo le statistiche, i ciechi di colore non hanno più frequenze di incidenti stradali, né più incidenza nelle altre patologie oculari, osserva Dr. García. Sono problemi senza soluzione possibile, anche se è necessario un rilevamento precoce, per evitare il più possibile

 

 

Test di cecità di colore – ISHIHARA

Test Daltonismo Ishihara

 

 

Targa numero 1: viene letta come 12, sia da persone con visione normale sia da coloro che soffrono di qualsiasi tipo di mancanza cromatica.

 

 

 

 

 

Test Daltonismo Ishihara

 

 

Targa numero 2: in casi normali si legge come 8. Con carenze di colour-blind si legge 3. Casi di cecità cromatica totale non vedono alcun numero.

 

 

 

 

 

 

 

Test Daltonismo Ishihara

 

 

Targa numero 3: in casi normali si legge come 6. Con carenze di daltonici leggono 5. Casi di cecità cromatica totale non vedono alcun numero.

 

 

 

 

 

 

 

Test Daltonismo Ishihara

 

 

Numero di targa 4: in casi normali si legge come 29. Con carenze di daltonici leggono 70. I casi di cecità cromatica totale non vedono alcun numero.

 

 

 

 

 

 

Test Daltonismo Ishihara

 

 

Targa numero 5: in casi normali si legge come 57. Con carenze di daltonici leggono 35. Casi di cecità cromatica totale non vedono alcun numero.

 

 

 

 

 

 

 

Test Daltonismo Ishihara

 

 

Piastra n. 6: In casi normali si legge come 5. Con carenze cieche dal punto di vista del colore si legge come 2. I casi di cecità totale e debolezza cromatica non vedono alcun numero.

 

 

 

 

 

 

 

Test Daltonismo Ishihara

 

 

Plate # 7: In casi normali si legge come 3. Con carenze di colour-blind si legge come 5. I casi di cecità totale e debolezza cromatica non vedono alcun numero.

 

 

 

 

 

 

 

Test Daltonismo Ishihara

 

 

Piastra n. 8: In casi normali si legge come 15. Con carenze cieche dal punto di vista del colore si legge come 17. I casi di cecità totale e debolezza cromatica non vedono alcun numero.

 

 

Test di cecità di colore – ISHIHARA

AA

 

1

Pilestone

 

AMAZON.COM

AA

LENTES PARA DALTÓNICOS - GAFAS DALTONISMO Pilestone

 


2

EnChroma

AA